Frodi creditizie: nelle Marche 552 casi

L’Osservatorio sulle Frodi Creditizie e Furti d’Identità di CRIF ha pubblicato uno studio, in cui ha messo in evidenza che nell’intero anno 2016 i casi di frode creditizia o emissione di cambiali e assegni a nome altrui perpetrati mediante furto di identità siano stati più di 26.100 con una perdita economica che supera i 152 milioni di Euro. Questo dato risulta in ulteriore crescita a fronte dei circa 25.300 casi rilevati nel corso dell’anno precedente, a conferma di un fenomeno in costante espansione.

LA SITUAZIONE NELLE MARCHE

 

Per quanto riguarda le Marche, nel corso del 2016 sono stati rilevati 552 casi: il maggior numero di frodi è stato registrato nella provincia di Ancona, con 155 casi, seguita da Pesaro e Urbino, con 139 casi. Fermo è invece la provincia meno colpita da questo fenomeno criminale, con 61 casi registrati nel 2016 pur avendo fatto segnare la crescita più sostenuta in regione, con un +19,2%rispetto al 2015. Forte incremento anche nella provincia di Macerata (+11,3%).

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn